Camera d commercio di Bolzano
economia = futuro

Nora Delmonego

nora delmonego

Calzolaia con passione

Il calzolaio: un mestiere da uomini? Neanche per sogno! Anche se alcuni pensano che l’artigianato non sia cosa da femmine ci sono donne impegnate che riescono a far cambiare idea a critici e dubbiosi. Come Nora Delmonego, che si trova nel bel mezzo del suo apprendistato e ha una grande passione per il suo lavoro.

Se cercate negozi autentici e particolari, un piccolo negozio di calzature situato in Città Alta di Chiusa vi salterà subito all’occhio. La “M” di maestro artigiano in bella vista rassicura subito i clienti: qui lavorano degli esperti. È proprio questo il messaggio che i Delmonego cercano di trasmettere da ormai cinque generazioni.  

Incoraggiata a diventare lavoratrice autonoma

Nora Delmonego, una dei tre figli dei proprietari, in futuro porterà avanti questa storica bottega di Chiusa. È una grande gioia per i genitori che, anche se non l’hanno mai spinta né tantomeno costretta a prendere questa via, l’hanno però – come dice Nora – caldamente incoraggiata a diventare una lavoratrice autonoma.

Poca manualità?

Anche se si è diplomata nel settore della grafica pubblicitaria compiendo studi che lasciavano ampio spazio alla creatività, Nora Delmonego non si immaginava che il suo futuro lavorativo sarebbe stato nel campo dell’artigianato. Al contrario. Per molti anni è stata convinta di avere poca manualità: un chiodo fisso che risale ai tempi della scuola media quando, per costruire modellini, usava soprattutto legno o metallo, materiali con cui non riusciva a combinare un granché.

Il primo apprendistato in commercio

In seguito, Nora Delmonego ha scelto il percorso “normale” per una donna, ovvero un apprendistato in commercio. In seguito all’apprendistato professionalizzante da commessa, svolto presso la ditta Rizzoli di Bolzano, ha però scoperto il suo interesse per il lavoro di calzolaio. Qui ha maturato la decisione di entrare nell’attività dei genitori, e di farlo con un obiettivo ambizioso: dare nuova vita alla bottega. Il padre Arnold all’inizio non era così convinto dell’entusiasmo della figlia. In fin dei conti gli ultimi decenni sono stati duri per i calzolai, con le riparazioni sempre in calo: merci a basso costo, cambiamenti nel comportamento dei consumatori e una società dell’usa-e-getta hanno avuto conseguenze sul mercato.

Una donna forte

Però Nora Delmonego, nonostante la sua giovane età e la sua figura minuta, è una donna forte con le idee ben chiare. Sta svolgendo una formazione di apprendista calzolaia a Hall in Tirolo. In parallelo continua a formarsi anche in Italia. Ha grinta e vuole imparare il suo mestiere dalle basi, crescere professionalmente e fare esperienza. Prima o poi vorrà diventare anche maestra artigiana, come i suoi predecessori. È questo il suo sogno più grande.

Conciliabilità con il ruolo di madre

Per quanto riguarda il futuro Nora Delmonego non ha troppi dubbi. Nel lavoro autonomo non vede nemmeno una scarsa conciliabilità con un suo eventuale futuro da madre. I suoi genitori hanno vissuto la stessa situazione prima di lei. Tutto si può fare, anche quando si ha un negozio di proprietà; a volte si ha più tempo libero, a volte meno. Anche il suo ragazzo, come lei artigiano e, in quanto figlio di agricoltori, abituato a lunghe ore di lavoro, non si preoccupa e la sostiene. Anche per questo la futura calzolaia ama il suo lavoro.

Nascondi da menu: 
Sono state utili queste informazioni? 
Nessuna votazione inserita
Testo destra: 

Contatto

Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile

tel. 0471 945 610
luca.filippi@camcom.bz.it