Camera d commercio di Bolzano

Barometro dell'economia - Servizi e trasporti

Data evento: 
Martedì, 14 Maggio 2019

Barometro dell'economia - Servizi e trasporti

Il clima di fiducia rimane buono

dienstleistungen

Il clima di fiducia nei settori dei servizi e dei trasporti rimane buono. Ciò emerge dall’edizione primaverile del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. La redditività conseguita nel 2018 è considerata soddisfacente da circa il 90 percento delle imprese. Per il 2019 entrambi i comparti esprimono ottimismo, pur con qualche preoccupazione nelle branche dei servizi alla persona e del trasporto merci.

Il clima di fiducia nel settore dei servizi rimane su livelli molto positivi, con nove operatori su dieci che nel 2018 hanno raggiunto un risultato economico almeno soddisfacente. Le aspettative sono elevate anche per l’anno in corso, tanto che il 93 percento delle imprese confida in una redditività soddisfacente nel 2019.

Redditività nel settore dei servizi

Lo scorso anno quasi un’impresa su due ha visto crescere il proprio fatturato, in parte anche grazie all’incremento dei prezzi alla clientela. Il volume d’affari è aumentato soprattutto sul mercato locale altoatesino, ma vi sono stati incrementi anche con la clientela delle altre province italiane. La dinamica degli investimenti è stata altrettanto positiva, soprattutto per quanto riguarda apparecchiature e fabbricati. Anche le valutazioni degli operatori riguardo alla competitività dell’impresa e alla puntualità della clientela nei pagamenti sono leggermente migliorate. Le condizioni di accesso al credito sono invece giudicate stabili. Per il 2019 si prevede un ulteriore aumento dei fatturati, con prezzi in crescita e condizioni di mercato ancora favorevoli. Anche gli investimenti dovrebbero continuare ad aumentare, seppur con minore intensità rispetto allo scorso anno.

Redditività nel settore dei servizi per branca

A livello delle singole branche, il miglior clima di fiducia si riscontra tra gli operatori dei servizi alle imprese e del comparto finanziario. In particolare, le banche segnalano un aumento dei depositi e del volume creditizio, nonché il miglioramento della solvibilità dei clienti. Esse proseguono inoltre l’attività di riduzione del personale e dei costi connessi. Per il 2019 vi è ottimismo anche nel comparto dell’editoria e della comunicazione, dopo che lo scorso anno era stato piuttosto difficile. Qualche difficoltà si rileva invece nell’ambito dei servizi alla persona, dove circa un quinto delle imprese lamenta una redditività insoddisfacente.

Redditività nel settore dei trasporti

Nel settore dei trasporti l’andamento congiunturale rimane positivo, con il 91 percento degli imprenditori e delle imprenditrici che giudicano positivamente la redditività conseguita nel 2018. Nove imprese su dieci confidano inoltre in un risultato economico soddisfacente anche nel 2019, nonostante le preoccupazioni legate al rallentamento del commercio internazionale e delle economie italiana e tedesca. La dinamica dei fatturati rimane molto positiva, così come quella degli investimenti, soprattutto in nuovi autoveicoli. Il clima di fiducia è però generalmente migliore nel comparto del trasporto passeggeri rispetto a quello merci, soprattutto per la maggiore possibilità di traslare sul prezzo del servizio gli incrementi dei costi operativi. Per quanto concerne l’occupazione, nel 2018 il numero dei lavoratori dipendenti nel settore dei trasporti e della logistica è aumentato del 2,3 percento rispetto all’anno precedente e per il 2019 si prevede un ulteriore crescita degli addetti.

Redditività nel settore dei trasporti per branca

Il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, sottolinea l’importanza strategica dell’interporto di Isola della Scala per il sistema dei trasporti altoatesino: “Lo spostamento su rotaia del traffico pesante in transito sull’asse Verona-Monaco è indispensabile per decongestionare l’Autobrennero. La costruzione dell’interporto, complementare al Tunnel di Base del Brennero, rappresenta un passo indispensabile verso l’intermodalità e va pertanto sostenuto”.

Nota metodologica:
Ai fini del barometro dell’economia dell’IRE, il settore dei servizi comprende le seguenti branche: editoria e comunicazione, informatica, credito e assicurazioni, attività immobiliari, servizi alle persone e servizi alle imprese. Sono esclusi il commercio e gli alberghi e ristoranti. Il comparto dei trasporti viene analizzato separatamente.

Per informazioni è possibile rivolgersi all’IRE, persone di riferimento Georg Lun, tel. 0471 945 708, e-mail: georg.lun@camcom.bz.it e Luciano Partacini, tel. 0471 945 700, e-mail: luciano.partacini@camcom.bz.it.

Seguono i commenti dei rappresentanti delle associazioni di categoria:

Heini Grandi, Presidente di Legacoopbund
“Ancora una volta si riscontrano difficoltà nel comparto dei servizi alla persona, che segnalano un forte bisogno di rinnovamento in questo settore: la concorrenza agguerrita, a scapito spesso della qualità dei servizi offerti, pone in difficoltà le imprese e le cooperative del settore. È importante sviluppare e consolidare le condizioni affinché le organizzazioni private siano in grado di integrare al meglio i servizi offerti dagli enti pubblici.”

Roger Hopfinger, Presidente Sezione Trasporti di Assoimprenditori Alto Adige
“L’aumento dei posti di lavoro e i crescenti investimenti in nuovi mezzi dimostrano che le nostre imprese di trasporto puntano ad una sempre maggiore qualità, efficienza e sostenibilità ambientale. A questi investimenti privati, favoriti e sostenuti anche dalla Provincia, vanno accompagnati ulteriori investimenti pubblici in infrastrutture e reti di collegamento moderne, che garantiscano al nostro territorio una raggiungibilità a tutti i livelli.”

Barbara Jäger, Presidente dei prestatori di servizi nell’Unione
“Il fatto che il settore dei ‘Servizi alle imprese’ presenti il miglior clima di fiducia è di particolare soddisfazione. Ora occorre rendere l’Alto Adige ancora più attraente per le aziende creative e i giovani. Per attirare i necessari talenti bisognerebbe, tra le altre cose, trovare una soluzione al problema abitativo. Inoltre, le aziende locali dovrebbero essere tenute in maggior considerazione in occasione dei bandi pubblici.”

Elmar Morandell, Presidente gruppo provinciale trasporti di lvh.apa
“Il settore dei trasporti è penalizzato da vari fattori. Nonostante il rapido aumento del prezzo del gasolio, non vi è alcun aumento del prezzo dei trasporti. I divieti di circolazione tirolesi ostacolano l’attività di import-export delle imprese altoatesine e la strategia politica italiana non aiuta il commercio con l'estero, con conseguenze negative sul comparto dei trasporti. Spero in una politica che mostri maggiore sensibilità verso l’economia.”